about my work Abu Ali art audio beuys cartography contemporary death device Dhamma dreams exile herzog highlights in progress la escocesa language materials meditation memory micelio micro mountain my stuff new paradigm news news archive notes pasolini perejaume poetry politics portfolio leftovers press readings realities resources RSS feeds ruins sequere The collapse the machine time video vipassana visions walking

La vecchia città

27/5/2005 ☼ By Marco Noris. Tags:

Un luogo dove solo una città separa il mare dalla terra. La luce, fredda e grigia, è quella delle giornate d’inverno. Gli edifici sono a picco sul mare, giù, in verticale. Ondate si infrangono con violenza contro le facciate delle case dallo stile semplice e austero, tipico delle vecchie case di paese. Una torretta spicca su tutto, una torre, forse un campanile, con una piccola croce greca sul tetto appuntito. Le case sono tutte grigie e rovinate, un po’ distorte, forse a tre piani. Il mare è gonfio, visto dal viale alle spalle del paese, le onde arrivavano quasi alla sommità della torre e schiaffeggiano con violenza le facciate stanche delle case.

La vecchia città protegge la quiete di terra dalla furia del mare.

Marco Noris


Previous post
Medioambiente. The Observer: desde 2020 vamos hacia la catástrofe | 23 de febrero de 2004 - RAINEWS24 Londres, 22 de febrero de 2004 Según un informe confidencial enviado por el Pentágono al presidente estadounidense...
Next post
Giro in giro | Avanti, confusamente avanti. A tentativi e a tentoni, saltando ostacoli, inciampando cadendo e rialzandomi. O forse no, rimanendo al suolo,...

go ◁ back go random