Mezzanotte

29/3/2016 poetrywords

Debole e di poca memoria
sfuggendo all’eco di una libertà sognata
(di cui ora nemmeno ricordo il nome)
nell’aria densa d’estate mi consumo.