about my work Abu Ali Art audio beuys cartography contemporary death device Dhamma dreams exile herzog highlights in progress la escocesa language materials meditation memory micelio micro mountain my stuff new paradigm news news archive notes pasolini perejaume poetry politics portfolio leftovers press readings realities resources RSS feeds ruins sequere the collapse the machine time video vipassana visions Walking

Uroboro - Wikipedia

7/11/2017 ☼ By it.wikipedia.org. Taken from instapaper. Tags:

Source: https://it.wikipedia.org/wiki/Uroboro

Highlights

  • Apparentemente immobile, ma in eterno movimento, rappresenta il potere che divora e rigenera se stesso, l’energia universale che si consuma e si rinnova di continuo, la natura ciclica delle cose, che ricominciano dall’inizio dopo aver raggiunto la propria fine. Simboleggia quindi l’unità e l’androgino primordiale, la totalità del tutto, l’infinito, l’eternità, il tempo ciclico, l’eterno ritorno, l’immortalità e la perfezione. (View Highlight)

  • « Quando vogliono scrivere il Mondo, pingono un Serpente che divora la sua coda, figurato di varie squame, per le quali figurano le Stelle del Mondo. Certamente questo animale è molto grave per la grandezza, si come la terra, è ancora sdruccioloso, perché è simile all’acqua: e muta ogn’anno insieme con la vecchiezza la pelle. Per la qual cosa il tempo faccendo ogn’anno mutamento nel mondo, diviene giovane. Ma perché adopra il suo corpo per il cibo, questo significa tutte le cose, le quali per divina providenza son generate nel Mondo, dovere ritornare in quel medesimo » (View Highlight)

  • Anche il dio gnostico Abraxas era un ibrido umano-animale, con la testa di gallo e le gambe di serpente e diffusissimi erano i suoi talismani con scritte magiche incorniciate dal serpente Ouroboros, quale simbolo del dio Aion, espressione gnostica della totalità del tempo, dello spazio e dell’oceano primordiale che separava il regno superiore dello pneuma, dalle tenebrose acque del mondo inferiore. (View Highlight)

  • La più antica rappresentazione occidentale di un Ouroboros si trova in un antico testo funerario egizio, chiamato The Enigmatic Book of the Netherworld, ritrovato nella Tomba (KV62) del Faraone Tutankhamon della XVIII Dinastia (View Highlight)

  • La più antica rappresentazione di un Ouroboros collegato all’alchimia si trova in una raccolta di scritti greci dell’XI secolo che illustra un trattato sulla produzione dell’oro” scritto da un’alchimista chiamata Cleopatra vissuta ad Alessandria d’Egitto nel tardo IV secolo d.C. La Chrysopoeia di Cleopatra (da χρυσός, khrusos, oro” e ποιεῖν, poiēin, fare”), contiene l’immagine di un Ourobors, metà bianco e metà rosso, con all’interno la scritta ἒν τὸ Πᾶν (En to Pàn), traducibile come l’Uno (è) il Tutto” oppure «Tutto è Uno». (View Highlight)

  • Nel primo anello si legge: Uno (è) il Tutto; e per lui il Tutto e in lui il Tutto; e se non contiene il Tutto, il Tutto è nulla”. Nel secondo anello una seconda scritta riporta la frase Il Serpente è Uno, colui che ha il veleno con le due composizioni”. Questi motti ricordano la famosa espressione eraclitea Tutte le cose sono uno”, riadattata da Plotino nel detto Tutto è ovunque e tutto è uno e uno è tutto”. (View Highlight)

  • Anche nell’alchimia islamica la cosmologia e la concezione ermetica dell’Uno-Tutto si incarnano nella figura dell’Ouroboros (View Highlight)

it.wikipedia.orginstapaper


Previous post
055 - Tu y yo | Tengo un perchero de tú y una cajonera de yo...
Next post
Ouroboros | La Chrysopoeia di Cleopatra (da χρυσός, khrusos, “oro” e ποιεῖν, poiēin, “fare”), contiene l’immagine di un Ourobors, metà bianco e metà rosso, con...

go ◁ back go random